giovedì 4 febbraio 2010

Cinghiali: e io che avevo detto!?

Non voglio neanche perdere tempo a scrivere sulla questione cinghiali ancora un rigo.Ho trattato questo argomento più di una volta. Leggete i link qui sotto se ancora non lo avete fatto.

Tra l'altro anche il Sindaco di Verbicaro, trattato con sufficienza, ad un assemblea della COMUNITA' DEL PARCO DEL POLLINO, presente anche il Direttore e il presidente Pappaterra, ha proposta la stessa questione che io vado dicendo da anni: I Cinghiali da un problema possono diventare una risorsa, una occasione di sviluppo, una occasione di lavoro per centinaia di giovani che a causa di questi amministratori sono costretti ad emigrare!

Ma dato che ovviamente altrove fanno cose che qui consideriamo stupide e inutili, vi riporto un testo di un comunicato del parco nazionale del Gran Sasso.
Commentatela Voi!

Date: Wed, 20 Jan 2010 13:17:40 +0100
From: Ufficio Stampa
Subject: Cinghiali: da minaccia a risorsa. Prende avvio da Amatrice un
innovativo progetto del Parco per il contenimento della specie


Cinghiali: da minaccia a risorsa. Prende avvio da Amatrice un innovativo progetto del Parco per il contenimento della specie

Assergi 20/01/10 – Da minaccia e problema, i cinghiali si avviano a diventare una risorsa economica per il territorio. e'€™ questo il senso dell'€™innovativo processo avviato dal Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga per il contenimento numerico della popolazione di cinghiale. Nella giornata di ieri, ad Assergi, alla presenza del Sindaco del Comune reatino, Sergio Pirozzi, e del Commissario Straordinario dell'Ente, Arturo Diaconale, il Direttore Marcello Maranella ha firmato con la Ditta Pasquinelli S.r.l. di Jesi, il primo contratto per la gestione dei servizi di cattura e gestione di tutti i passaggi finalizzati alla creazione di una filiera nella lavorazione e commercializzazione delle carni di cinghiale, secondo l’apposito Avviso di gara bandito lo scorso ottobre dallo stesso Ente Parco.

Grande soddisfazione e' stata espressa dai vertici dell'€™Ente. Il Commissario Diaconale, in particolare, sottolinea il fatto che «in questo modo si avvia finalmente a soluzione un problema annoso e complesso. L'€™accordo fa notare - sortira'€™ senz'altro l'€™effetto di rinsaldare i rapporti tra l'€™Ente Parco e la comunita'€™ di Amatrice, particolarmente toccata, come e'€™ noto, dalla gravita'€™ del problema dei cinghiali».



La Direzione del Parco, nel sottolineare il buon lavoro svolto dal Servizio Scientifico e Amministrativo dell'€™Ente, sottolinea «gli effetti di ricaduta economica che il processo teste'€™ avviato avra'€™ sulle comunita' locali dell'€™area protetta, che nella compartecipazione del servizio, nei termini della gestione in loco delle gabbie di cattura e della pasturazione degli animali, potranno trovare una fonte aggiuntiva di reddito».

Nel contratto con la Ditta Pasquinelli, che avra' la durata sperimentale di otto mesi, e'€™ prevista la corresponsione, al gestore locale delle gabbie di cattura, di un compenso di un Euro per Kg di carne consegnata. L'auspicio, pertanto, e'€™ che alla fine degli otto mesi, gli effetti positivi del contratto possano fungere da modello e ispirare l'€™attivazione di analoghe esperienze a livello locale. In tal modo, in sintesi, il Parco si avvia a trasformare un grave problema in risorsa economica.



Area protetta: Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
Web: http://www.parks.it/parco.nazionale.gran.sasso/index.html
Mittente: Ufficio Stampa
Sito web mittente: www.gransassolagapark.it
Mail: ufficiostampa@gransassolagapark.it